Dracarys

B1: prima sconfitta per i Dracarys

Domenica scorsa a Verolengo è andata in scena quella che avrebbe dovuto essere la terza giornata del campionato di B1 per i Dracarys. A causa del rinvio a data da destinarsi della partita contro gli Hocheti Pokety, però, è stata solo la seconda gara disputata dai gialloneri. Andiamo a vedere com’è andata.

Dracarys – Decepticon 70-83

Quella che mette di fronte Draghi e Decepticon è una contesa che parte da un perfetto equilibrio: entrambi hanno vinto alla prima uscita e hanno saltato la seconda per via di problemi alla palestra Cavour. Equilibrio è anche la parola perfetta per descrivere il match, almeno fino all’ultimo tempo. Le due squadre si affrontano a viso aperto, ma gli attacchi non riescono mai ad andare a segno con regolarità. Sono infatti le difese le vere protagoniste, come testimonia anche il relativamente basso punteggio finale. Nel primo tempo la situazione fatica a sbloccarsi e i valori in capo si equivalgono perfettamente. I Decepticon riescono solo alla fine a dare una zampata, che li porta avanti comunque solo di 4 punti.
Nella seconda frazione i Dracarys provano a riprendere il comando delle operazioni, premendo sull’acceleratore grazie anche a un ottimo Marcello Saporito, top scorer dei suoi con 18 punti.
Il verdetto è rimandato agli ultimi quindici minuti, in cui l’equilibrio torna a farla da padrone. La gara è in bilico e ogni minuto che passa può essere quello decisivo. Alla lunga sono i Decepticon ad avere la meglio: effettuano il controsorpasso nel terzo tempo e nel quarto capitalizzano i sempre più frequenti errori degli avversari.
Per i Dracarys si tratta senz’altro di una battuta d’arresto, ma non di una delle più gravi. L’avversario è di pari livello e sarebbe bastato qualche episodio fortunato in più per portare a casa i tre punti. I motivi della sconfitta si nascondono nei dettagli e coach Ghio dovrà essere bravo a individuarli in settimana. Appuntamento domenica 26/11 alle 12.10 a Verolengo contro i temibili Black Knights.

Hit Ball Chivasso. Are you ready for this?

%d